Varese, un punto in battaglia

Risultato dolce-amaro per i biancorossi, che fanno la partita, passano in vantaggio di gol e uomini ma si fanno riacciuffare dall’Inveruno sull’unico svarione. Ancora +1 sui playout, ora un trittico decisivo per salvarsi

Un altro punto, dolce prima del fischio d’inizio ma amaro a conti fatti. Contro l’Inveruno è stato il Varese a fare la partita: due occasioni nel primo tempo, a metà ripresa il vantaggio e l’uomo in più per un rosso diretto a carico del gialloblù Bugno. Al 35’ però, sull’unico svarione della partita biancorossa, il definitivo 1-1 dell’Inveruno. Il pubblico del Franco Ossola, al pari dei ragazzi di Tresoldi, al termine di una prestazione da battaglia deve così accontentarsi di un punticino, prezioso da aggiungere a quello conquistato contro la Pro Sesto e utile per rimanere a +1 sui playout. Ora, sfide verità in ottica salvezza una dietro l’altra: Derthona, Oltrepovoghera, e Arconatese i prossimi tre avversari.

AL FRANCO OSSOLA – La giornata di sole attira un buon numero di spettatori sugli spalti. Tresoldi deve far fronte a diverse assenze (squalificato Battistello, problemi fisici per Palazzolo, Fratus e Monacizzo) e, dunque, alcune novità nel suo 4-3-3: Ghidoni terzino destro, confermato Balconi dalla parte opposta, Ferri rientra al centro vicino a Rudi dopo la squalifica; Lercara fa la mezz’ala con Morao (ex della partita) ai lati di Zazzi, davanti con De Carolis ci sono Ba e Melesi. Dalla parte opposta i soliti (e temibili) noti: il regista e capitano Lazzaro, le punte Broggini e Chessa. In tribuna presente Fulvio Catellani (ma non il presidente Sauro) e anche Matt Reeser.

PRIMO TEMPO – Avvio a strappi, con le squadre che si alternano nella spinta. Ad aprire la contesa una grande occasione biancorossa (7’): angolo di Zazzi, Ferri stacca al limite dell’area piccola e incorna, Frattini con un riflesso miracoloso respinge e la difesa libera. Risposta timida alla voce “occasioni” dell’Inveruno: un tiro dal limite di Broggini, preda di Bizzi (14’); una ripartenza rapida di Valente, rifinitura di Broggini e piattone troppo stretto di Chessa contenuto da Bizzi (23’). Nel finale, un cambio e un’occasionissima per i biancorossi. Al 39’ Rudi è costretto a uscire per un problema fisico: al suo posto Simonetto. Al 46’ invece Varese a un soffio dal gol: Morao si infila e gioca su Lercara, cross dentro, respinta della difesa, lo stesso Morao dal limite si coordina e esplode un gran destro che si stampa sulla traversa.

LA RIPRESA – Dagli spogliatoi è ancora il Varese a riemergere con più voglia, facendo la partita e sbloccando il punteggio al 16’: angolo di Zazzi, Frattini mette fuori coi pugni, Morao al limite va col piattone – neanche troppo convinto – trovando la papera dello stesso Frattini che buca e concede il vantaggio. Fiammata del pubblico biancorosso, che non vedeva l’ora di festeggiare un gol. De Carolis cerca subito il 2-0 dal limite, trovando però Frattini a spingere in angolo (17’), poi conquista un cartellino rosso subendo la gomitata in gioco aereo di Bugno (23’). Varese che sembra in controllo, con vantaggio e uomo in più. Non bisogna sbagliare ma, purtroppo, è quello che accade. Succede al 35’, dopo due ulteriori tentativi (32’: gran lavoro di Zazzi e appoggio su Lercara, che manda di poco a lato; 33’: girata di De Carolis ben fatta ma larga) non concretizzati. Zazzi esce palla al piede ma sbaglia l’appoggio, facendosi intercettare da Scannapieco a metà; il terzino riparte a 100 all’ora e serve nello spazio Corioni, decentrato a destra: la difesa biancorossa chiede fuorigioco, il guardalinee non sventola nulla, il numero 19 anticipa Bizzi con un cross che rotola verso il secondo palo e finisce con l’insaccarsi. Finale di partita nervoso in cui il risultato non cambia più: l’1-1 basta ai tifosi per applaudire il loro Varese.

Gabriele Galassi

IL TABELLINO
Varese-Inveruno 1-1 (0-0)
Marcatori: nel st Morao (V) al 16’, Corioni (I) al 35’.
VARESE (4-3-3): Bizzi; Ghidoni, Rudi (Simonetto dal 39’ pt), Ferri, Balconi; Morao, Zazzi, Lercara; Ba (Pedrabissi dal 38’ st), De Carolis, Melesi. A disposizione: Frigione, Mondoni, Simonetto, Zecchini, Mauro, M’Zoughi, Scapolo. All. Tresoldi.
INVERUNO (4-3-3): Frattini; Scannapieco, Botturi, Bugno, Panzani (Nava dal 28’ st); Cazzaniga, Lazzaro, Di Gioia (Panatti dal 29’ st); Broggini (Compaore dal 37’ st), Valente (Corioni dal 20’ st), Chessa (Bonaiuti dal 43’ st). A disposizione: Monzani, Ferrara, Puricelli, Truzzi. All. Mazzoleni.
Arbitro: Croce di Novara (Petrica e Blasi di Torino).
NOTE – spettatori: 1100. Espulso: Bugno (I) al 23’ st per gioco scorretto. Ammoniti: De Carolis, Zazzi e Lercara (V); Valente, Cazzaniga e Corioni (I). Angoli: 6-5; fuorigioco: 2-1; tiri (in porta): 12 (8) – 7 (5); falli: 17-12; recupero: 2’ + 6’.

LA CLASSIFICA
Gozzano 56, Como 51, Caronnese 50, Pro Sesto 44, Chieri 42, Folgore Caratese 39, Bra 37, Inveruno 34, Borgosesia 31, Pavia 30, Oltrepovoghera 29, Borgaro 29, Olginatese 28, Varese 27, Varesina 26, Arconatese 23, Casale 23, Seregno 19, Derthona 16, Castellazzo 14.
*Le ultime due retrocedono direttamente, altre quattro ai playout.

One thought on “Varese, un punto in battaglia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...