I tifosi non bastano, il Varese perde lo scontro salvezza. Non è finita ma serve un’impresa

Una sola azione basta all’Olginatese per vincere (0-1). Per i biancorossi, dopo il gol annullato a Palazzolo per dubbio fuorigioco, Pedrabissi ne combina una di troppo: sul rigore è bravo il portiere, poi l’espulsione a metà ripresa è un errore grave e decisivo

Sconfitta amarissima per il Varese nello scontro salvezza contro l’Olginatese. La partita la fanno i biancorossi, i tre punti – con una sola vera azione da gol, quella decisiva – li portano a casa i lecchesi: 0-1 al Franco Ossola.
I biancorossi scivolano così quart’ultimi rimanendo a quota 34 punti, terzi nella griglia playout: davanti ci sono Pavia (2-2 a Castellazzo) e Casale (a segno 2-0 sul Derthona) con 36, dietro il Seregno a 32; a 36 anche la Varesina, 37 per Arconatese e Oltrepovoghera, Olginatese a 38. A sei giornate dal termine non è finita: ma c’è ancora da rincorrere.

LA PARTITA – Tutto quello che è accaduto fuori dal campo con la giornata biancorossa ve lo racconterà il Confa più tardi (vi anticipiamo i dati del botteghino comunicati dal ds Alessandro Merlin: 286 paganti, 3818 euro di incasso).
Noi invece entriamo in campo, dove come detto è il Varese a fare la partita. Prima occasione all’8′, con Arca che si avventa su un rimpallo e esplode un sinistro di controbalzo che fischia a millimetri dal palo e si infrange sul sostegno della rete, dando l’illusione del gol. Per il popolo biancorosso l’urlo resta così strozzato in gola, come al 16′ quando Palazzolo infila la rete: angolo di Zazzi, testa di Pedrabissi verso il secondo dove sbuca il numero 20 che corregge ma viene fermato in fuorigioco. Dubbio.

Al 29′ il vantaggio ospite. L’azione inizia a metà campo, dove Battistello si inceppa e perde palla. Tchetchoua recupera e serve Tremolada, che strappa tra le righe e cerca il filtrante per Casalini; Simonetto, preso in controtempo, prova a intercettare la palla a mezza altezza con il tacco, il risultato purtroppo è che la sfera rallenta e si appollaia proprio davanti a Casalini, che batte di prima e fulmina Bizzi. Insieme a un tiro debole di qualche minuto prima, il gol sarà l’unico tiro degli ospiti.

Il Varese reagisce. E potrebbe pareggiare subito, perché al 32′ Zazzi anticipa un avversario appena dentro l’area e viene agganciato: il rigore c’è, l’arbitro è vicino e indica subito il dischetto. Dagli undici metri va Pedrabissi, che decide di incrociare: la palla è rasoterra e anche abbastanza tesa, ma Iali parte in anticipo e raggiunge il tiro con una parata superlativa. Per i biancorossi il colpo è durissimo e prima della fine del primo tempo non accade altro.

I ragazzi di Tresoldi radunano le idee negli spogliatoi e rientrano con la volontà di pareggiare. Il mister al 7′ sposta Ba – purtroppo evanescente – dall’ala alla posizione di centravanti; percorso inverso per Pedrabissi che scende a sinistra.
Al 16′ è lo stesso Pedrabissi a mandare di fatto i titoli di coda alla partita: in fascia sinistra fa 4/5 finte su Fabiani, che non abbocca, lo ferma e riparte di corsa; il numero 24 lo insegue senza poterlo raggiungere se non con un’entrata/sgambetto da dietro, assolutamente inutile. L’arbitro è vicino, potrebbe anche estrarre il giallo ma ne condanna l’intenzione (e ha motivi per farlo): rosso diretto.

Dentro Lercara, poi anche Morao, il Varese tiene sempre due piedi nella metà campo avversaria ma non riesce mai a sfondare. Quattro minuti di recupero che diventano cinque per l’espulsione del provocatore Tremolada, ma il risultato non cambia: l’Olginatese passa al Franco Ossola e il Varese scivola quart’ultimo.

All’uscita dal campo i biancorossi raccolgono l’applauso dei loro tifosi (nella foto): nessuno ha intenzione di mollare. Ma per salvarsi serve un’impresa.

Gabriele Gigi Galassi

IL TABELLINO:
Varese-Olginatese 0-1 (0-1)
Marcatori: nel pt Canalini (O) al 29′.
VARESE (4-4-1-1): Bizzi; Muca, Simonetto, Ferri, Arca; Zazzi (Morao dal 39′ st), Monacizzo, Battistello (Mauro dal 37′ st), Ba (Lercara dal 28′ st); Palazzolo; Pedrabissi. A disposizione: Frigione, Rudi, Balconi, La Ferrara, Melesi, Mondoni. All. Tresoldi.
OLGINATESE (3-5-2): Iali; Fabiani, Carlone, Narducci; Valenta, Nasatti (Passoni dal 23′ st), Tchetchoua,  Lacchini (Menagazzo dal 1′ st), Caputo; Canalini (Calviello dal 45′ st), Tremolada. A disposizione: Merone, Invernizzi, Cataldi, Calloni, Todeschini. All. Arioli.
Arbitro: Bindella di Pesaro (Passoni di Monza e Albertin di Padova).
NOTE – Espulsi: Pedrabissi (V) al 16′ st per gioco scorretto; Tremolada (O) al 48′ st per somma di gialli. Ammoniti: Palazzolo e Simonetto (V); Caputo e Tremolada (O). Spettatori: 800 (286 paganti per 3818 euro). Angoli: 5-3; fuorigioco: 5-1; tiri (in porta): 7 (3) – 2 (2); falli: 11-17; recupero: 1′ + 5′.

I RISULTATI DELLA 32° GIORNATA:
Varese-Olginatese 0-1; Gozzano-Varesina 2-0; Borgaro-Arconatese 0-0; Bra-Folgore Caratese 0-1; Chieri-Caronnese 2-0; Casale-Derthona 2-0; Castellazzo-Pavia 2-2; Inveruno-Pro Sesto 3-1; Oltrepovoghera-Como 0-0; Seregno-Borgosesia 1-3.

LA CLASSIFICA:
Gozzano 71, Como 67, Caronnese 63, Chieri 57, Pro Sesto 55, Folgore Caratese 49, Inveruno 48, Bra 47, Borgosesia 46, Borgaro 41, Olginatese 38, Oltrepovoghera 37, Arconatese 37, Varesina 36, Pavia 36, Casale 36, Varese 34, Seregno 32, Derthona 18, Castellazzo 17.

One thought on “I tifosi non bastano, il Varese perde lo scontro salvezza. Non è finita ma serve un’impresa”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...