Varese, un solo tiro in porta non basta per vincere

Avanti su rigore con Monacizzo al 18′ del primo tempo, i biancorossi non trovano ulteriori energie per cercare il raddoppio: il Borgosesia esce nella ripresa, pareggia al 10′ e poi centra una traversa. A cinque giornate dalla fine salvarsi è ancora possibile

Per provare a centrare la salvezza un solo tiro nello specchio della porta – per giunta su rigore – non basta. Purtroppo, il Varese non riesce a far più di così nel turno pasquale: a Borgosesia finisce 1-1.
Biancorossi avanti con Monacizzo, freddo a trasformare dagli 11 metri (nella foto; in basso il video), poi nessun tentativo ben costruito per andare a prendersi il raddoppio, pur con condizioni da sfruttare: vantaggio dopo 18′ e un avversario giovanissimo (sei under e due ’96 in campo dal 1′) che al campionato ha ormai solo da chiedere un’ulteriore crescita per valorizzare il talento in rosa (come fatto con il ’99 Tomaselli, ceduto al Monza a gennaio dopo quasi 70 partite e 10 gol in D con i granata).
Trovato l’1-0, come detto, il Varese non ha però trovato idee, coraggio e forse più di tutto energie per provare a raddoppiare (e poi a vincere dopo l’1-1); ha cercato invece di difendersi, permettendo ai granata di rialzarsi, aumentare i giri del motore e provare a risalire. Cosa che non solo è accaduta, con il pari al 10′ della ripresa (anche questo su rigore), ma che stava addirittura per trasformarsi in un ribaltone, fermato da una clamorosa traversa al 37′ della ripresa centrata da Procaccio.

In serata, 3-0 del Pavia sul Seregno: il Pavia scappa a quota 39, il Seregno resta a 32. Varese a 35, quartultimo, appena sopra Varesina e Casale a 36 e Arconatese a 37: a cinque giornate dalla fine la salvezza è ancora possibile, ma serve qualcosa in più.

LA PARTITA – Tresoldi ritrova Fratus terzino destro, a metà vicino a Monacizzo va Morao “al posto” di Battistello, per questioni under in ala sinistra c’è così Melesi; Ba centravanti. L’avvio senza emozioni si sblocca al 17′, quando Melesi crossa centrando il braccio largo di Clausi; per l’arbitro è rigore, Monacizzo spiazza Libertazzi e fa 0-1. Il Borgosesia incassa, non reagisce immediatamente ma ha il tempo di riassestarsi perché il Varese non trova la forza di andare a cercare il raddoppio: potrebbe provarci Ba al 37′, ma il corpo a corpo in contropiede lo vince Dalmasso.

Si va alla ripresa. E dopo l’intervallo il Borgosesia alza ritmo e baricentro. Il Varese stringe ulteriormente le linee per difendere il vantaggio, ci prova una volta su un pallone sporco – Morao in mischia dal cuore dell’area spara alto, 8′ – ma commette un errore un attimo dopo: palla che rimbalza in area, Procaccio la va a cercare e Morao gli sbatte addosso. Rigore non solare ma che ci può stare per danno procurato: lo stesso numero 10 spiazza Bizzi e fa 1-1.
Da qui in avanti il Varese va in grande fatica, non riesce mai a buttarsi a caccia del nuovo vantaggio e, anzi, nel finale rischia pure di subire il sorpasso: cambio campo da destra a sinistra per Procaccio, che in un solo movimento stoppa liberandosi di Morao per poi sparare una bordata che sbatte piena sulla traversa (37′). Giocata super che non va in porto, ultimi minuti di spinta granata ma risultato che non cambia più: 1-1 a Borgosesia.

Gabriele Gigi Galassi

IL TABELLINO:
Borgosesia-Varese 1-1 (0-1)
Marcatori
: nel pt Monacizzo (V) al 18′ su rigore; nel st Procaccio (B) al 10′ su rigore.
BORGOSESIA (4-4-2): Libertazzi; Wang (Saltarelli dal 20′ st), Bonaccorsi, Dalmasso, Cestagalli (Virga dal 26′ st); Ferrandino, Clausi, Castelletto, Orofino (Pagnotta dal 20′ st); Vitali (Iannacone dal 38′ st), Procaccio. A disposizione: Mafezzoni, Girardi, Di Matteo, Rebolini, Tampellini. All. Didu.
VARESE (4-4-2): Bizzi; Fratus (Battistello dal 14′ st), Simonetto, Ferri, Arca; Zazzi (Rudi dal 31′ st), Morao, Monacizzo, Melesi; Palazzolo, Ba (De Carolis dal 20′ st). A disposizione: Frigione, Balconi, Muca, Filomeno, La Ferrara. All. Tresoldi.
Arbitro: Mulas di Sassari (Micalizzi di Palermo e Licari di Marsala).
NOTE – spettatori: 300 (100 da Varese). Ammoniti: Castelletto e Ferrandino (B); De Carolis (V). Angoli: 3-1; fuorigioco: 3-4; tiri (in porta): 10 (8) – 4 (1); falli: 18-14; recupero: 2′ + 3′.

I RISULTATI DELLA 33° GIORNATA
Borgosesia-Varese 1-1, Arconatese-Chieri 1-2, Derthona-Borgaro Nobis 2-0, Caronnese-Castellazzo Bormida 5-1, Como-Inveruno 2-1, Folgore Caratese-Gozzano 1-1, Olginatese-Bra 1-1, Varesina-Oltrepovoghera 0-1, Pro Sesto-Casale 2-0, Pavia-Seregno 3-0.

LA CLASSIFICA
Gozzano 72, Como 70, Caronnese 66, Chieri 60, Pro Sesto 58, Folgore Caratese 50, Inveruno 48, Bra 48, Borgosesia 47, Borgaro 41, Oltrepovoghera 40, Olginatese 39, Pavia 39, Arconatese 37, Varesina 36, Casale 36, Varese 35, Seregno 32*, Derthona 21, Castellazzo 17.
** Le ultime due retrocedono direttamente. Le ulteriori quattro peggiori si affrontano a due a due e le sconfitte scendono in Eccellenza.

 

 

 

3 pensieri riguardo “Varese, un solo tiro in porta non basta per vincere”

  1. Bisognerebbe ricordare al sig. De Carolis che è’ stato portato a Varese…. Per fare gol non per farsi ammonire ed espellere!!!! Per fortuna che era il Bomber di categoria superiore che avrebbe fatto la differenza…. 1 gol….. Cellini dove sei!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...