«Noi bambini guariti vi aspettiamo per dire insieme “Fuck The Cancer”»

Un video meraviglioso per lanciare la terza edizione organizzata dalla Fondazione Ascoli: «L’80% guarisce, aiutateci e un giorno faremo 100». Papà Gibe: «Coi ragazzacci della curva qualcosa di buono lo abbiamo fatto…»

Un video meraviglioso. Che basterebbe già da solo per segnarsi in agenda l’appuntamento di sabato 19 e domenica 20 maggio a Villa Tatti Tallacchini di Comerio: Fuck The Cancer 3.0. Organizza la Fondazione Giacomo Ascoli.

Se non dovesse bastare a convincervi, ecco numeri e dichiarazioni emersi nella conferenza stampa di questa mattina nella sala matrimoni del Comune a Varese.

Partiamo dai numeri.
Quelli di Fuck The Cancer: nelle prime due edizioni «questi ragazzacci, tanto rudi quanto dal cuore d’oro – parla Marco Ascoli, presidente della Fondazione, e si riferisce agli ultras del Varese – hanno raccolto in due anni una cifra sorprendente con l’asta delle maglie: 90.000 euro. Questi soldi sono stati inseriti nel nostro bilancio e destinati alla realizzazione delle camere sterili all’Ospedale Del Ponte».

Quelli della Fondazione Giacomo Ascoli: dal 2006 cura i bambini affetti da malattie onco-ematologiche e delle loro famiglie. 166 i bimbi e ragazzi passati negli ultimi due anni. 1 milione di euro investiti nel day hospital, 200.000 euro nella ricerca. 50 volontari.

Poi, le dichiarazioni.
Quelle di mamma Angela: «Fuck The Cancer si unisce all’oasi dei piccoli prìncipi per una festa di due giorni, i cui testimonial saranno Max Laudadio e Sarah Maestri: grandi concerti (sabato gli Asilo Republic, cover band di Vasco; domenica i Libera Uscita, cover band di Ligabue), laboratori per bambini, il nostro Cappellaio Matto Davide, gli Alpini che preparano da mangiare.
L’80% dei nostri ragazzi guarisce: con l’aiuto di tutti, un giorno, chissà, arriveremo al 100%».

Parola alle istituzioni.
Silvio Aimetti (sindaco di Comerio): «Dico io grazie a voi: per il nostro piccolo Comune è un onore ospitarvi. Comerio sarà sempre casa vostra».
Daniele Zanzi (vicesindaco di Varese): «Questa è la dimostrazione di come il mondo del calcio e degli ultras, sempre bistrattati, che ho conosciuto perché ci sono cresciuto, hanno invece capacità e un cuore grande. Iniziative come questa portano risultati incredibili e sono esempi notevoli per la città: come amministrazione e come amico sono felice di parteciparvi».
Davide Galimberti (sindaco di Varese): «La cosa più bella è emersa dal video: i contributi dati alla Fondazione Ascoli hanno portato quei risultati. Sport, solidarietà, volontariato e ricerca devono possono e devono andare nella stessa direzione, soprattutto se migliorano la vita delle persone in difficoltà. Invitiamo tutti a partecipare».

A chiudere papà Gibe, che poi servirà insieme ad Alice – la migliore amica di Erika – una golosa torta ai presenti: «Direi che questi ragazzacci qualcosa di buono l’hanno fatta… Come sapete il marchio è registrato a nome mio, ma è di tutti e così sarà sempre. Quest’anno abbiamo deciso di donare l’evento alla Fondazione Ascoli: un bellissimo gesto che permetterà a questo evento di andare sempre avanti. Ringrazio Aimetti, Galimberti, Zanzi e la nostra famiglia della Fondazione Ascoli. Vi chiedo una sola cosa: condividiamo, cresciamo. Tutti devono conoscere questa realtà».

In fondo alla sala sorride anche Luca Alfano, che poi stringerà tra le mani la maglia dell’Ascoli numero 20 che Buba Buzzegoli ha già donato per l’asta: domani Luca potrà tornare al suo posto vicino alla panchina di Tresoldi ma oggi dice «parliamo solo di Fuck The Cancer con tutti quelli che conosciamo».

 

Nelle prossime settimane sui social (a partire dalla pagina Facebook di Fuck The Cancer: cliccate qui e mettete like) ci saranno ulteriori novità. Ma tanto l’appuntamento è già segnato in agenda per sabato 19 e domenica 20 maggio a Comerio: siamo tutti invitati.

Gabriele Gigi Galassi e Andrea Confalonieri

 

img_8538

img_8543

img_8536

 

 

2 pensieri riguardo “«Noi bambini guariti vi aspettiamo per dire insieme “Fuck The Cancer”»”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...