Berni: «Incontri positivi con i creditori». E Vanoni conferma

Il rappresentante della holding svizzera, in sede fino alle 21 per il colloquio con il principale creditore del club, parla anche del pranzo con Maccecchini e della finale salvezza contro l’Oltrepovoghera anticipata a domenica

Un’altra giornata, lunghissima, dentro la sede del Varese allo stadio. Fabrizio Berni (nella foto, oggi al telefono vicino alla biglietteria dello stadio), referente della holding che entro martedì arriverà a un dunque per l’acquisto del club biancorosso, ha incontrato anche oggi i creditori con cui trovare un accordo per la situazione debitoria (la cifra che rimbalza nelle ultime ore porterebbe il totale molto vicino al milione di euro).
L’ultimo incontro in ordine di tempo è stato con la ditta Vanoni, che da 30 anni cura il prato del Franco Ossola: un confronto fiume, iniziato intorno alle 19 e finito poco dopo le 21. Come noto, quella nei confronti di Vanoni è l’esposizione più importante del club. Rimasti ad attendere fino a quell’ora, abbiamo avuto modo di parlare con Berni e a lui abbiamo chiesto un punto della situazione, senza dimenticare la questione più dibattuta tra i tifosi, cioè l’anticipo della finale salvezza.

«Tutti gli incontri avuti fin qui con i creditori hanno avuto riscontro positivo. A stasera sono ottimista – spiega Berni, che era accompagnato dal suo legale, il suo staff e un socio importante della holding luganese – L’ultimo, come avete visto, è stato con la famiglia Vanoni: visto l’importante credito che vanta, ha chiesto giustamente una notte di tempo per valutare la proposta. L’incontro comunque è stato positivo».
A confermare le parole di Berni anche Daniele Vanoni: «Sì, è andata bene. Daremo il prima possibile una risposta».

Come premesso, la questione finale salvezza: in programma il 20 maggio è stata anticipata di una settimana (domenica, ore 16, stadio Parisi). Ecco i fatti: l’Oltrepovoghera ieri ha proposto al Varese di anticipare la partita. Oggi la proprietà biancorossa, d’accordo con gli acquirenti, ha deciso di accettare.
Abbiamo chiesto a Berni il perché: «Abbiamo voluto accorciare i tempi per far arrivare la squadra il più leggera possibile all’appuntamento anche perché una partita del genere si vince con la testa; non volevamo che i ragazzi bruciassero energie nervose per 10 giorni. E a questo proposito voglio aggiungere una cosa: il nostro intento di acquisto del Varese è identico e non dipende dal risultato di domenica, quindi dalla salvezza o dalla retrocessione in Eccellenza. Giochiamocela senza un peso troppo grosso addosso».
Restando in tema, ecco cosa farà Berni con la squadra: «Il gruppo, l’allenatore e il lavoro che hanno fatto in questi 5 mesi sono sacri – dice l’imprenditore di origini emiliane – Io e i miei soci non siamo o non siamo ancora i proprietari del Varese, ma di certò avrò un contatto con il mister e con il capitano che rappresentano i sacrifici fatti fin qui: a loro darò le certezze che possiamo dare in questo momento».

Come detto ieri, a mezzogiorno Berni è stato a pranzo con Paolo Maccecchini al ristorante Vecchia Riva della Schiranna: «Ho voluto parlare con lui – dice Berni – perché so che negli ultimi mesi è stato una figura di riferimento per la piazza, aiutando la società e la squadra in maniera disinteressata. Se tutto andrà come speriamo, ci piacerebbe averlo al nostro fianco: se non subito, quando se la sentirà».
Su questo pranzo, il “Macce”, seduto al tavolino del bar dello stadio sorseggiando una limonata servita dal Trivini, ci ha raccontato di «aver incontrato persone serie che stanno cercando una soluzione a un debito più grande di ciò che era stato preventivato. Spero che si arrivi a una soluzione positiva: soprattutto per i creditori, gente per bene che conosco di persona. Ho colto l’occasione per raccontare anche di tifosi fantastici e sempre presenti e di una squadra davvero di bravi ragazzi. Per domenica nessun problema: come promesso a pullman e ristorante ci pensa la Ferramenta Maccecchini. Nel frattempo spero di vedere tanta gente allo stadio sabato, quando i piccolini del Varese giocheranno (inizio ore 9.50, finale alle 17.15. In campo, oltre al Varese, Como, Novara, Arsaghese, Pro Sesto, Legnano, Renate, Sestese e Torino Club) il torneo in memoria di mio fratello».

Da domani intanto la squadra tornerà ad allenarsi (da verificare le condizioni fisiche di Ferri e Battistello; improbabile poter recuperare Simonetto) per preparare la finale salvezza di domenica, di cui si attendono le informazioni sui biglietti.

Andrea Confalonieri e Gabriele Gigi Galassi

il memorial Dino Maccecchini
la locandina del memorial Dino Maccecchini

9 pensieri riguardo “Berni: «Incontri positivi con i creditori». E Vanoni conferma”

  1. A questo punto non si ha molta scelta…attendiamo gli eventi.Oltre a sanare i debiti esistenti si dovrebbe investire subito sulle strutture per il settore giovanile dove tutti hanno promesso e realizzato praticamente niente…altrimenti prevedo una migrazione verso altre società.

    Mi piace

  2. Il pranzo col Maccecchini l’ha offerto Berni o è andato anche dai proprietari della “Vecchia Riva” a proporre lo stralcio del conto e il pagamento a rate?

    Mi piace

  3. In poche parole Berni sta dicendo ai creditori o vi pigliare sti due soldi e si riparte o ve la pigliare nel c..o , e non vedete una lira con il fallimento del Varese..cominciamo a parlare come se magna

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...